Riforma Fallimentare



Fallimento? No: solo liquidazione giudiziale

Il 14/11/2017 è entrata in vigore la Legge 19 ottobre 2017, n. 155 per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell'insolvenza.

La prima modifica apportata dalla c.d. riforma della legge fallimentare è proprio linguistica e letterale: in tutti i testi ufficiali viene definitivamente accantonata la parola “fallimento” e sostituita da “liquidazione giudiziale”. La ragione di detta modifica è da ricercare, spiega il Ministro Orlando, nel fatto che crisi ed insolvenza sono evenienze fisiologiche nel ciclo di una impresa e anziché demonizzate, con tanto di stigmatizzazione sociale dell’imprenditore, vanno prevenute e contrastate il più possibile.

La liquidazione giudiziale, pertanto, è una procedura che prevede una soluzione concordataria finalizzata all’azzeramento dei debiti, in massimo tre anni dall’apertura della procedura.

Con la Legge 155/2017, l’impresa, affidata ad un organismo pubblico, attraverso una fase preliminare e stragiudiziale, riesce a prevenire la crisi irreversibile e ad adottare tutte le misure necessarie per superare il momento di difficoltà economica. La fase di prevenzione, con l’accordo dei creditori e la supervisione di un giudice specializzato in procedure concorsuali, è collegata alla fase di composizione assistita della crisi.

Con la Legge 155/2017, inoltre, per le piccole imprese è previsto un sostegno finalizzato all’accesso al credito e per evitare la perdita di possesso dei beni. Sarà inoltre possibile per le piccole imprese concedere garanzia su beni futuri e determinabili, sebbene non ancora attuali.

Con la Legge 155/2017, più che di concordato preventivo (l’accordo che il debitore può raggiungere con i creditori per evitare lo stato di insolvenza irreversibile) si parlerà di “concordato in continuità” e cioè di quell’accordo, tra debitore e creditori, che prevede l’accettazione di proposte che garantiscono la continuità aziendale e che mantengano livelli occupazionali adeguati.

Si ammette inoltre il concordato che mira alla liquidazione dell’azienda, ma solo se in grado di assicurare il pagamento di almeno il 20% dei crediti chirografari. La liquidazione giudiziale, in ogni caso, viene considerata dalla nuova legge solo un’estrema ipotesi.

Leggi il testo integrale della Legge 19 ottobre 2017, n. 155 cliccando qui

Contattaci per ricevere maggiori informazioni sulla Legge 19 ottobre 2017, n. 155, chiamandoci allo 0283417718 oppure tramite il form che trovi cliccando qui


ACQUISTA ONLINE I REPORT DI SERVIZISICURI.COM:
ACCEDI SUBITO ALL'E-COMMERCE

Condividi

Scopri di più

Servizisicuri.com è il partner ideale per l’amministrazione della tua azienda. Un supporto costante per la crescita e lo sviluppo del tuo business con informazioni commerciali di qualità, accesso ad una completa piattaforma informativa per tutte le informazioni a tutela del credito e del patrimonio. Servizisicuri.com è in possesso di Licenza Prefettizia n. 14567/12B15E Area OSP 1° TER. Assicurazione per la responsabilità professionale n. della Massimale 1.300.000.